I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. Visualizza la direttiva di riferimento.
Accetto i cookie da questo sito.

    • SISTEMA ESPERTO AQUALIFE
    • SISTEMA ESPERTO AQUALIFE
    • SISTEMA ESPERTO AQUALIFE
    • SISTEMA ESPERTO AQUALIFE

Esistono pochissimi progetti a scala globale che abbiano una qualche attinenza con la creazione di indicatori di conservazione della biodiversità acquatica sotterranea e dei GDE in generale. Molti progetti non identificano indicatori ma piuttosto una o pochissime specie sentinella, per un'area geografica, come singole specie sensibili a determinati impatti o come la loro risposta a opere di ripristino ambientale (es. progetto LIFE04NAT/IT/000190 sul coleottero Osmoderma eremita). In questi casi, comunque, non si è comunque mai formulato un sistema di indicatori, e quindi non si è mai passati da una visione locale e orientata verso specie singole, a una visione integrata di un sistema di indicatori di impatto sulla biodiversità in toto.

Il prodotto principale del progetto AQUALIFE quindi sarà veramente innovativo. Il valore dimostrativo del progetto è la confezione del sistema di indicatori in un pacchetto (“pacchetto AQUALIFE”) che faciliterà l'applicazione del sistema di indicatori stesso, quindi massimizzando il numero dei potenziali utilizzatori.  potenziali da usare per un altissimo numero di utenti. Il pacchetto AQUALIFE sarà diffuso su scala nazionale e internazionale. Tale pacchetto riunisce una serie di moduli di facile utilizzazione (schede descrittive dei GDE dal punto di vista strutturale, fisicochimico e biologico; schede di identificazione delle specie indicatrici che vivono nei GDE, rappresentazioni grafiche, software per l’utilizzo degli indicatori con tutorial incorporato, ed un manuale d'uso comprensivo di tutti gli aspetti direttamente scaricabile dal Sito Internet del progetto). Tali moduli permetteranno l'utilizzo del sistema di indicatori anche da parte di persone non specificamente formate. Il pacchetto AQUALIFE è il cuore dell'approccio pratico del progetto e massimizzerà la sua applicabilità. Tutti i prodotti del progetto saranno messi a disposizione online, aumentandone la diffusione e il potenziale dell'utilizzo in tutta Europa.

Il sistema esperto AQUALIFE sarà utilizzabile in

  • tutti i corsi d’acqua, tranne che nei tratti potamali profondi in prossimità della foce e laddove è veramente complesso prelevare campioni biologici, come descritto dalla Water Framework Directive (WFD) dell'Unione Europea;
  • tutti i tipi di sorgenti;
  • pozzi, che rappresentano le più facili vie di accesso agli acquiferi, sia interni sia costieri;
  • grotte attive, cioé ove sia presente acqua perenne o intermittente;
  • zone umide alimentate da acque sotterranee.

Pertanto il numero dei potenziali utilizzatori finali del sistema esperto AQUALIFE è molto alto. Fra questi, ci sono i settori delle regioni italiane che si occupano di tutela della biodiversità, con particolare riferimento, ad esempio, alla fase istruttoria di Valutazioni di Incidenza preliminare alla valutazione della Commissione regionale e alla fase istruttoria delle Valutazioni di Impatto Ambientale per progetti e opere che gravitino all’interno di Siti di importanza Comunitaria (SIC, nell'ambito della "Direttiva Habitat" della UE) e/o Zone a Protezione Speciale (ZPS, nell'ambito della Rete di Natura 2000). Anche GDE localizzati all'esterno di SIC e/o ZPS potranno beneficiare di una valutazione ambientale rigorosa e affidabile; ad esempio, alcuni corsi d'acqua alimentati da acqua sotterranea potrebbero entrare in una zona protetta a valle di un disturbo ecologico, potenzialmente danneggiando il SIC/ZPS stesso. Non meno importante è il coinvolgimento di organizzazioni non governative (ONG) che si occupano di tutela ambientale, con le quali è meno complesso “far passare il messaggio e il metodo”. Invece per i fruitori della risorsa acqua sotterranea (es. coltivatori, allevatori, enti locali gestori del rischio idraulico, enti deputati alla gestione dell’idroelettrico, enti deputati alla valutazione di impatto ambientale), potrebbe essere necessario semplificare il messaggio di AQUALIFE. La produzione di un layman report nell'ambito del progetto AQUALIFE mira a facilitare la comunicazione con utilizzatori finali non-specialisti.

Il sistema esperto AQUALIFE, originariamente sviluppato nella regione Abruzzo (Italia), è facilmente trasferibile in ogni altro Stato Membro (SM) comunitario, ove l’unica variazione attesa è inerente alle specie campionate. Infatti, lo studio degli effetti sulla biodiversità del sovrasfruttamento della risorsa idrica sotterranea in aree agricole ha portato in Germania, Francia e Italia e altri SM allo stesso risultato di perdita della biodiversità: cfr. Dumas P., 2004: Irrigation as a disturbance for interstitial crustacean communities in a French Pyrenean alluvial aquifer. – Ann. Limnol. - Int. J. Lim. 40(2): 139–147. Dumas P. & Lescher-Moutoué F., 2001: Cyclopoid distribution in an agriculturally impacted alluvial aquifer. - Arch. Hydrobiol. 150(3): 511–528. Hahn H.J., Thulin B. & Griebler C., 2010: The potential use of fauna and bacteria as ecological indicators for the assessment of groundwater quality. – J. Environ. Monit. 12: 242–254. Di Lorenzo T. & Galassi D.M.P., 2013: Agricultural impact on Mediterranean alluvial aquifers: do groundwater communities respond? Fundam. Appl. Limnol. 182(4): 271-282. La perdita riguarderà specie diverse, ma la percentuale o il rischio di perdita saranno approssimativamente gli stessi, all'interno di un range di variazione naturale o di sottofondo. L’azione D.1 (“blind evaluation” del sistema esperto da parte di enti non partecipanti) prevede espressamente che il sistema di indicatori venga usato in Francia, per il controllo di qualità del metodo ed eventuali aggiustamenti da apportare, ove insorgessero criticità.

 

 

 

TOP

THEME OPTIONS

Header type:
Theme Colors:
Color suggestions *
THEME
* May not have full accuracy!